martedì 27 gennaio 2015

L'ultima tappa del massacro. I sindaci del metapontino perennemente assenti

Che senso ha in questa terra, che ultimamente sta subendo un vero e proprio attacco incrociato, costruire - dopo quello già assurdo previsto per Senise - un altro biogassificatore per il trattamento dell'organico, dalla portata di 40mila tonnellate ciascuno?
Che senso ha impiantare due gassificatori (della capienza complessiva di circa 80 mila tonnellate di rifituti organico, atti a soddisfare la gassificazione della produzione di rifiuti organici e fanghi di lavorazione di una popolazione di quasi 10 milioni di abitanti), in una regione che conta meno di 600mila anime e che i dati ISPRA del 2014 registra fra le minori produttrici di organico e con un trend in continua diminuzione? Perchè quegli stessi politici che quando si tratta di tassare e avvallare gli interessi di multinazionali e banchieri ripetono a pappagallo "ce lo chiede l'Europa", dimenticano di tenere presenti le direttive europee che invitano a proteggere il capitale naturale, ambientale e dei cittadini incentivando il riciclo e il riuso della materia rifiuto?
Le direttive europee, anzi, disincentivano espressamente questo tipi di impianti, utilizzando l'espressione "impianti meno auspicabili" e riferendosi a "quelli che prevedono la produzione di energia da rifiuto", guarda caso si riferiscono proprio a gassificatori e biogassificatori.
Che senso ha, allora, impiantare un ecomostro di questo tipo se non quello di obbedire ad un disegno "politicamente criminale" e di fare della Basilicata una grande discarica aperta a tutti? Che senso ha questo rigassificatore nel bel mezzo di un altissimo patrimonio turistico-archeologico (museo nazionale, area dei templi greci e Tavole palatine), nel cuore della campagna metapontina, a due passi dal simbolo del turismo balneare della fascia jonica lucana?
Si chiama biogassificatore, ma di "bio" deve avere veramente poco se ad Aosta, dove ne esiste uno da tempo, alla fine è nata un'unione di oncologi che, a seguito di riscontri e studi, è insorta avendo registrato in quella zona e ovunque si siano insediati questi ecomostri (ricordiamo che sono il sostituto degli inceneritori) un aumento di cancro ai polmoni, di neoplasie e di altri mali legati all'emissione di diossine, di percolato ultrafine e di polveri sottili. Di "bio" deve avere veramente poco se è classificata come un'attività industriale "insalubre di classe 1".
Anche l'ISDE (International Society of Doctors for the Environ­ment - Ass. medici per l'ambiente) ha rivelato come dai gassificatori fuoriesca percolato, polveri sottili, diossine e idrogeno solforato.
Per l'impianto di Metaponto si tratta di un intervento che andrebbe ad inquinare l'ambiente per più di 50 km quadrati, coivolgendo i comuni di Pisticci, Ferrandina, Policoro, fino a Rocca Imperiale. Per questo all'assemblea di giovedì scorso erano stati invitati i sindaci dei paesi interessati, ma se escludiamo quello di Craco e quello di Bernalda di tutti gli altri non si è vista traccia, come al solito. Nemmeno di Rocco Leone, il sindaco di Policoro, che ogni volta per difendere i disastri della raccolta differenziata cittadina se la prende col piano regionale dei rifiuti, salvo poi guardarsi bene dall' intervenire o quantomeno di informarsi sugli sviluppi della strategia regionale sui rifiuti.   
Se poi consideriamo che il comune di Bernalda, nel cui territorio si vorrebbe far sorgere l'ecomostro, si è gia pronunciato fermamente contrario con due deliberazione delle due passate amministrazioni e che la Regione ha praticamente ignorato la volontà dell'ente locale, si capisce bene l'importanza dell'unione dei sindaci in questo contesto. Eppure ancora una volta pare che beceri calcoli politici, che chiedono di non disturbare il capo, sembrano avere la priorità sugli interessi di un territorio sotto attacco, che sta combattendo la sua battaglia deisiva.
Ancora una volta sorge un Comitato di Cittadini, questa volta a Metaponto, che tenta disperatamente di supplire l'assenza della politica, o per dire meglio nel caso specifico di Bernalda di affiancarla e controllarla. Il giovane sindaco di Bernalda, infatti, è la faccia pulita di Nicola Benedetto, consigliere (eternamente di maggioranza) regionale e del comune di Bernalda, che da Potenza avvalla, sminuendo pubblicamente l'invasività dell'intervento del gassificatore, e da Bernalda fa promettere al suo sindaco tutti gli interventi possibili atti a scongiurare questa ennesima, inquinante, suicida opera di distruzione del terriotrio.
Un minimo di diffidenza e di controllo da parte dei comitati, in questi casi (nel caso della rete familistica e clientelare lucana in genere) è d'obbligo. 


Karakteria .org.

lunedì 26 gennaio 2015

Dopo l'isola che non c'è la cooperative che non c'è. Policoro zona Free , consentito truffare il comune.

Non sempre   ci capita di dar ragione al sindaco Leone anzi , ma quasi mai di parlare del Meravigliao della sua amministrazione. Questa volta dobbiamo prendere atto che Leone mantiene gli impegni , almeno così sembra. Stiamo parlando del  complesso residenziale che sta sorgendo difronte all’ospedale , vicino al liceo fermi.
Ebbene si la mastodontica opera , non è una mera speculazione , ma residenza comunale , in poche parole case popolari.

Eppure  Rocco l’inconsapevole e la sua balda amministrazione sta facendo sto po po di opera pubblica senza pubblicizzarla , senza gridarla ai quattro venti ,  senza che vediamo Ferrara un giorno che sia un giorno no  sul cantiere a sovraintendere o postare una foto sul suo profilo FB. Non stiamo scherzando basta vedere la foto qui affianco.
Oppure siamo difronte a un altro scherzo del destino , ai danni delle casse del comune? Edilizia /comunale ma sotto gatta ci cova ? Vedremo … se ci daranno le carte….

Questa costruzione non è altro che la gemella di quella che sorge sull’altra parte di via Salerno (dove c’è il movo) che  secondo una convenzione stipulata con il comune , la ditte costruttrici la coop Eden Casa SRL e Desa  costruzione si sono avvalsi dell'esonero dei contributi relativi al costo di costruzione , dichiarando in essa di essere disposte a applicare prezzi di vendita e canoni di locazione da convenire con il comune ? la cooperativa EDEN Casa è come l'isola che non c'è , c'è e non c'è ,, e il suo Piter Pan ha il volto di un noto faccendiere.
Secondo voi è stato rispettato questo impegno che ha consentito alla cooperativa truffa EDEN casa SRL di risparmiare un bel po’ di soldini dalle casse del comune e quindi di sottrarli alla collettività (circa 300 &400 mila euro) e metterli nelle tasche chi sa di quale faccendiere ?
Secondo noi no , infatti chiediamo al comune di verificare questa nostra convinzione , e se avremmo ragione , chiediamo all’amministrazione di attivare le procedure di recupero di tale denaro.
 In primis al nuovo Segretario , di accertarsi , per mettere in atto le procedure affinchè l’amministrazione Leone , che non ruggisce più contro gli speculatori e i palazzinari ,   si attivi a recuperare le somme sottratte alla collettività.
Ma non finisce qui , perché L’EDEN della merviaglie , cooperativa , ribadiamo , specializzata nella truffa ,
oltre che campione di compravendite dei propri beni , diciamo disinvolti , che richiederebbero l’interessamento delle autorità giudiziarie dormienti ,  riesce a cessare la propria attività pur essendo ancora proprietaria di propri beni ? (cosa vietata dalla legge)  , ma la legge non vale a Policoro questa è  zona FREE. E poi Come mai ad oggi non risulta che le opere di urbanizzazione di quel comparto non siano state cedute al comune .
E visto che l’eden delle meraviglie non c’è più , si attiverà il comune con i propri legali per entrare in possesso di questi beni ?

Questa è la stessa cooperativa che ha truffato il comune nel comparto di via Vico Stella , ha chiuso bottega lasciando opere di urbanizzazione incompiute , creditrice nei confronti di alcuni cittadini di obblighi con sentenze in giudicato , lo stato inerte che difronte alle truffe si inchina ed agevola chi  viola la legge nulla ha fatto per difendere gli interessi collettivi.
Alcuni cittadini circa un anno fa , avevano chiesto a Leone e ai dirigenti di attivare la procedura della revocatoria dei beni della cooperativa a tutela degli interessi collettivi (comune e cittadini) nessuna risposta , stanno aspettando che scadono i termini per fare l’azione , come sempre , ancora una volta ti trovi la pubblica amministrazione dalla parte dei faccendieri.
Questa è la prima parte di una storia , che non ha ancora un finale e che noi abbiamo l’interesse di raccontare fino a quando qualcuno si attivi Infatti è  la prima parte , tutto questo nel caos politico ,
infatti mentre Forza Italia si allontana dalla maggioranza , Carrera si avvicina a Leone , ma non solo , si avvicina politicamente ma anche alle distanze della strada , basterebbe che i vigili che su quella strada ogni mattina sono attivi in numero consistente , facciano un minimo di verifica , chi sa tra tosap e distanze non rispettate , potranno smentirci o darci soddisfazione , noi confidiamo nel loro zelo , sperando che il Free non valga anche per questi.





domenica 25 gennaio 2015

Il 25 Gennaio e 8 Febbraio Open Day al Liceo Scientifico "E.Fermi " di Policoro

Policorolì 24.01.2015.  Domani 25 gennaio e l’8 febbraio prossimo avranno luogo
presso la sede del Liceo “E.Fermi” di Policoro i due “Open Day” per l’orientamento in ingresso, cioè le attività destinate agli alunni delle terze medie e finalizzate alla scelta dell’indirizzo di studio nella scuola secondaria di II grado.
L’Offerta formativa del Liceo “E.Fermi” di Policoro è plurima e “realistica” nel senso che i diversi indirizzi di studio proposti sono già attivi da anni e, spesso, con più sezioni di classi parallele. In maniera particolare sono attivi gli indirizzi di Liceo Scientifico di Ordinamento con n. 3 corsi, il Liceo Scientifco “Opzione Scienze Applicate”, che non prevede lo studio del latino e prevede il rinforzo di materie scientifiche quali la matematica e le scienze fisiche e bio-chimiche. Inoltre sono attivi due sezioni di Liceo Linguistico con lo studio di tre lingue (Inglese, Francese e Tedesco) e con insegnanti di madre lingua. Dall’anno scolastico 2012-2013 è attivo anche la sezione di Istituto Tecnico Trasporti e Logistica (l’ex Istituto Tecnico Nautico) co le opzioni di “Logistica” e di “conduzione del mezzo navale”.
I Docenti Responsabili dell’Orientamento (Prof. Moretti, Contangelo. Benevento e Fersini) accompagneranno famiglie ed alunni delle terze classi delle scuole medie viciniori lungo il percorso di questa scuola che nel 2017 festeggerà i suoi 50 anni di vita e che ha “sfornato” personaggi assurti anche agli onori della fama nazionale come i giornalisti Walter Vecellio (redattore TG2), Antonio Preziosi (Direttore di Radio RAI1), l’ex Ambasciatore in Romania Mario Cospito e la Fisica Miriam Serena Vitiello.

Policoro lì 24.01.2015
                                                               IL DIRIGENTE SCOLASTICO
  Prof. Leonardo Giordano
                                                                 



          

  

sabato 24 gennaio 2015

Livia nel paese delle Meraviglie.

 Ieri giornata ricca di comunicati nell’ex centrodestra che oggi possiamo
chiamare un’amministrazione incolore insapore figlia del trasformismo.
Cominciamo dalle dichiarazione mattutine dell’assessora Livia Lauria nel paese delle meraviglie , in cui rivendica per se e Leone l’inconsapevole che questa amministrazione è il nuovo che avanza,
ebbene si , perché non riconoscerlo che l’assessore vive nel paese delle Meraviglie?
Il paese perfetto dove le tasse sono aumentate del 200 percento in poco tempo facendo di Policoro la città leader non solo nel Metapontino ma in basilicata la città dove si paga di più, i costi dei servizi sono quintuplicati , dove lo spreco del denaro pubblico e sotto gli occhi di tutti , dove l’assessore si gestisce direttamente l’appalto , dove un consigliere in forza del suo potere gli è permesso di non onorare come i comuni cittadini il pagamento dell’affitto delle strutture sportive.
E poi che dire degli appalti , basta vedere la ciofeca del prolungamento di viale Salerno , con variante approvate dopo che i lavori sono stati fatti , oppure lo stato di fermo del parco della cicogna , o la variante dello contratto di quartiere figlio degli interessi inconfessabili , dove vergognoso e da codice penale sono i conflitti evidenti.
Ma per capire lo stato comatoso di questa amministrazione e la sconfitta storica di Leone basta vedere quello che tutti noi vediamo in via Puglia , la dove Leone aveva promesso un parco , oggi sta sorgendo un supermercato , una delle tante menzogne di un sindaco che ha sfiancato la città.
E che dire poi cara Livia delle meraviglie dell’assessora Carrera ?
Esempio di alta politica , un messaggio forte ai giovani quasi a dire “vedete altro che “familismo amorale” qui siamo al “Tengo Famiglia.
Scusi ma non avete almeno un po’ di vergogna?
Lei proprio lei , circa due anni e mezzo fa tuono dai banchi dell’opposizione contro il trasformismo della Politica , fece un’arringa che apprezzammo in difesa della politica come senso di appartenenza , bandendo qualsiasi trasformismo.
Quelle parole , quei valori , oggi , le chiedo , dove sono andati a finire ?
Io ho sempre creduto che le donne in politica avrebbero potuto contribuire in modo sostanzioso a cambiare il volto della politica , a differenza del cinismo degli uomini  che ne avevano corrotto le fondamenta e i valori.
Oggi lei sta mettendo a dura prova questa mia convinzione.
Penso , con grande rammarico  , e me ne dispiace , che specie con gli ultimi atti politici avete oltre passato il limite del decoro , perché la città si sente tradita da un’altra speranza di cambiamento  che è fallita , ne dovreste trarre le conseguenze , e consentire a Policoro  di avere un governo eletto dal popolo , e non figlio del trasformismo e delle Lobby.

venerdì 23 gennaio 2015

Forza Italia esce dalla maggioranza. Leone passa dalla Maggioranza di centro destra a una del "TENGO FAMIGLIA"

La storia si ripete , nel 2011 era Leone che tuonava contro Forza Italia ,per non avere
rispettato le direttive del partito , e parlava contro il suo sindaco Lopatriello definendo come uomo immondo. (il linguaggio era ed è rimasto scurrile)  Chiese allora Leone le dimissioni degli assessori Luisa La Saponara e Siepe , la stessa Lauria , in un’arringa in consiglio comunale , parlo di dovere morale nel rispettare le scelte del partito , lei e il consigliere Presidente ad Onorario dell’avis (ma che spesso non è puntuale ad onorare i pagamenti con il comune , per cui siamo costretti ad intervenire noi) Porsia , erano delle furie assatanate , e con forza sostenevano il principio che le decisioni del partito si devevano rispettare.
Leone tra l’altro , faceva il moralista nel sostenere che le  maggioranze sono quelle elette dal popolo , tutto il resto erano inaccettabili , segno della mala Politica. Cambiano i Tempi , cambiano le situazione , cambia la morale .
Oggi leone sta facendo quella che ieri per lui era una situazione vergognosa , anzi anche di peggio , sta sotto lo schiaffo di Carrera e company , tanto che deve accettare la nomina dell’assessora cugina del consigliere che gli permette di rimanere attaccato alla seggiola , siamo passati dal vizio atavico e corruttivo del trasformismo politico a quello del Tengo Famiglia . Leone ormai ha  abbandonato da tempo il senso del pudore e della vergogna , l’unico giustificazione che trova per motivare questa nomina e dire che è  “una giovane ragazza Laureanda in lettere ”. Noi Saremo curiosi quanti esami ha sostenuto , questo per nascondere che l’unico requisito che l’assessora ha , è quello di essere la cugina dell'assessore eletto con i voti del centrosinistra passato con Leone, appunto il “Tengo Famiglia”.
Ieri forza Italia ha abbandonato la maggioranza , oggi i numeri sono risicati , siamo passati da 13  a 9 più l’astensione alla bisogna di Vetere.
La città è ridotta a una latrina , evidente la crisi del commercio e quello artigianale  , e si sopravvive solo  con il lavoro pubblico. Policoro è la città più tassata del metapontino , con un servizio della spazzatura di cui una silente procura non apre il libro Bianco  delle schifezze che si stanno consumando ,  il cui prezzo immondo e sulle spalle dei cittadini.
Non parliamo (anzi ne parleremo ) dei lavori di manutenzione , con appalti migliorativi di cui scriveremo.
Coerenza voleva che Leone non avendo più la maggioranza uscita dalle urne , si dimettesse , consentendo alla città di avere una maggioranza eletta ed espressione della volontà popolare , ma questi sono atti  di grandi uomini , che hanno rispetto della città e degli elettori. Senza i voti di Forza Italia Leone non sarebbe andato al Ballottaggio , quindi oggi lui è un ladro di democrazia.

come scrisse Sciascia nel giorno della civetta ,  ci sono uomini , mezzi uomini e ominicchi , lascio ai miei tanti visitatori di scegliere in quali categoria classificare questo , che da molto tempo non è più il mio sindaco.

giovedì 22 gennaio 2015

Oltre le barbarie :Leone ci dica chi ha rubato la legna del comune .

Sul vergognoso taglio degli alberi , ci siamo assorbiti la consulenza postuma , prima
fanno i danni , poi chiedono un parere ad un’esperto , che ci dice una serie di ovvietà , ci scusi il dott.re De Capua , ma  anche di banalità  che non hanno niente a che fare con la loro attività distruttiva , di imbruttimento della città.
Comunque sfidiamo il consulente ed il sindaco , in un pubblico dibattito con i nostri esperti , che come titoli non hanno nulla da invidiare al consulente postumo , cosi non solo c’è un arricchimento per tutti , ma un confronto che può aiutare a crescere. Sappiamo che inutile questo appello , perché loro i Rivoluzionari Gentile , si confrontano solo con i palazzinare e non certamente con noi.
Ma fanno di peggio , non solo continuano a dire le solite vanverate , ma poi facendo finta di niente a parole , sposano le nostre obbiezione , le fanno loro , ma solo a parole , perché mentre fino a ieri , c’erano solo gli abbattimenti degli alberi , oggi sentiamo dire che saranno ripiantati con gli agrumi. Noi ne saremmo contenti perché ancora una volta avremmo avuto ragione tutelando l’interesse della città , ma siamo alle buone intenzioni.
Intanto alcune domande non hanno risposta
1)    Perché un appalto di potatura ai giardini murati viene data a una società di pulizia ?
2)    Vuoi vedere che troviamo tra i soci qualche amico degli amici
3)    Perche il capitolato d’appalto prevedeva un taglio a 4 metri , invece per alcuni alberi è stato fatto a due metri.
4)    Voi vedere che anche qui dopo le nostre arrabiature , hanno trovato una giustificazione postuma?
5)    La legna che è un bene che ha un valore , che doveva essere nella disponibilità del comune , infatti l’appalto dei giardini murati non parla di scomputare il costo dei lavori con utilizzo della ditta della legna dove è andata a finire?
6)    Chi ha rubato , se è stata rubata , le tonnelate di legna dei tagli sconsiderati di via Montebianco ?
7)    Se non è stata rubata ci dica l’amministrazione , dove è andata a finire. In parole povere quale casa ha riscaldato , anche se questo anno non stiamo affrontato un inverno rigido.
Chi sa se per dare risposte a queste domande banali , chiederanno un’altra consulenza , per spiegarci che sottrarre qualsiasi bene pubblico al di la del valore non è reato , mentre per noi e il codice penale è  peculato
Noi ci accontenteremo in verità della risposta del solo sindaco , che come ci hanno riferito molti testimoni , sovraintendeva i lavori ed avrà visto dove i camion del comune portavano la roba. Se era INCONSAPEVOLE lo chieda al dirigente , così noi cittadini sappiamo a chi abbiamo fatto beneficenza,  e non vogliamo vedere neanche le carte , ci fidiamo della sua parola , ma abbiamo il diritto di sapere.

Caro Leone è stata rubata la legna? 

mercoledì 21 gennaio 2015

Provincia : mentre il personale è in agitazioni per i licenziamenti , il presidente assume per 90 mila euro l'amico degli amici. Ferrara dove sei....

A segnalare la porcata di cui oggi parleremo è stato l’avv.to Francesco Rizzo
Presidente F. De Giacomo
candidato nelle scorse amministrative con Policoro è Tua .
Sul suo profilo FB scrive :
Non credo di essermi sbagliato, ma oggi, all'albo pretorio della Provincia di Matera, risultavano pubblicate determinazioni dirigenziali per il funzionamento del gabinetto del Presidente dell' Ente per circa 160.000,00 euro, di cui circa 99.000,00 euro destinati al solo capo di gabinetto del Presidente. Ma la Provincia non era stata soppressa? Inutile farsi illusioni. Continueranno a spremerci ancora all'inverosimile, ma cosi' non ne usciremo mai. Buonanotte. E domattina tutti a romperci il fondoschiena per pagare lor signori. E' una vergogna senza limiti e senza il minimodi pudore. Giuseppe Ferrara tu che ne sai?
L’avv.to Rizzo persona attenta ed ottimo avvocato , non si sbagliava , infatti con decreto 15 del 30/12/2014 prot.0037657, il Presidente De Giacomo di Rotterdam (Poi vi spiegheremo i Rotterdam) conferisce l’incarico di capo Gabinetto ad un soggetto esterno ( militante di primo piano  del PD di Ferrandina area Braia) con trattamento economico commisurato a quello dirigenziale. In parole povere per la vergognosa cifra che si aggira intorno ai 90 mila euro senza calcolare gli  eventuali premi produttivi. E’ tutto questo mentre vi era in atto una mobilitazione dei dipendenti provinciali preoccupati  per il loro futuro , visto  che la legge di stabilità al comma 422 prevede ad individuare il personale che rimane assegnato agli enti (comma 421) e il personale che deve essere collocato in Mobilità e dopo due anni licenziati.
E mentre come riferivano le cronache dei giornali vi era la giustificata  preoccupazione dei dipendenti provinciali  per il loro destino ( licenziamenti e mobilità)  , il Presidente de Giacomo di Rotterdam , giustificava questo vergognoso atto di assunzione ad personam ,  affermando nella delibera che :
appare necessario conferire l’incarico di capo gabinetto ad un soggetto esterno altamente qualificato NON ESSENDO POSSIBILE RICORRERE AL GIA’ INSUFFICIENTE PERSONALE DIRETTIVO E DIRIGENZIALE IN SERVIZIO PRESSO QUESTO ENTE”.
Una presa per il culo , ci chiediamo se hanno il senso della vergogna o del pudore ad utilizzare e dissipare così i soldi dei cittadini , con un atto che non solo è un pugno in faccia ai disoccupati e tanti lavoratori , ma giocare con il futuro dei dipendenti perché non si ha cognizione o non si vuol prendere atto della dura realtà della legge di stabilità , che mette in gioco il futuro di tanti lavoratori delle province.
Detto atto concepito mi dicono a Rottedam ( ci torneremo sulle notti di rotterdam) è manifestatamente illegittimo ed illegale per violazione delle leggi e dei regolamenti per i seguenti motivi :
a)   Non è stato indetto un bando di avviso pubblico a riguardo
b)   Non è stata esperita nessuna procedura interna tra i dipendenti
(probabilmente pur essendoci un sacco di laureati anche con Master importanti , non cerano affiliati al Club Forza Braia)
c)   È stato violato l’art.12 (supporto al presidente) del regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi approvato con deliberazione di GP. N 47/2011 modificato con deliberazione di GP n. 56/2013
Ci troviamo di fronte a una CIOFECA ( schifezza in Italiano) , infatti l’articolo 12 del succitato regolamento , voluto dal precedente presidente Stella , prevede che occorreva prioritariamente ricorrere al personale interno , oltre che della evidente illegittimità dell’atto sotto l’aspetto contabile.   
Sotto l’aspetto politico e un atto vergognoso , e il ritiro è il minimo che ci aspettiamo , per dare un senso non solo di sobrietà ma anche di legalità a un’ente e una compagine politica espressione non del popolo ma della casta.

 Ci auguriamo così come si è chiesto avv.to Rizzo che Ferrara , questa volta alzi la voce contro la mala politica del centrosinistra , ci auguriamo ma…….

martedì 20 gennaio 2015

Bonus Idrocarburi, buone notizie per i lucani: al via oggi le prime ricariche


 Sul profilo Fb di una mia amica stamani è comparsa la notizia del primo accredito Bonus
Carburanti.La notizia viene data dal giornale Melandro News , che dice :
Sono iniziate oggi le operazioni di ricarica sulle “Card Idrocarburi” per i cittadini della Basilicata. Tanti lucani hanno ricevuto nella giornata di oggi una ricarica di 154,80 €, mentre altri hanno ricevuto una ricarica di 77,40 €A quanto pare si tratta di ricariche di diverso importo effettuate in base al reddito di ogni singolo cittadino che ne ha fatto richiesta. Di ufficiale si può dire che le ricariche stanno arrivando. Dalla “nascita” della Card Idrocarburi per i lucani questa è la terza ricarica. Infatti la prima (di 100,70 €) è stata ricevuta il 31/01/2012, la seconda  (di 140,25 €) il 17-01-2013 e per la terza le operazioni sono iniziate oggi. Per controllare il credito sulle card bisogna:
- andare sul sito di Poste Italiane cliccando QUI (bisogna essere iscritti al sito di Poste Italiane), inserire il numero della carta e cliccare su “Continua”;
- recarsi presso uno sportello Postamat, inserendo carta e codice segreto, per poi cliccare su “Saldo”
Vi ricordo che non è possibile prelevare contanti. Se non vi risulta ancora l’accredito, sarà fatto nei prossimi giorni.

Grazie Leone , Prende uno e Paga tre. La sprecopoli in salsa Policorese

Infatti ci siamo fidati , ma siamo stati traditi
 Nel convegno per la commemorazione del segretario comunale Pasquale Di Brizio , L’avvocato Montagna nel ricordare la figura di questo grande servitore dello stato , un esempio per i giovani , ricordava con degli episodi  come fosse parsimonioso.
Per esempio , era solito alla fine dei consigli comunali farsi restituire la penna e i fogli in Bianco dai consiglieri. Perché diceva sempre Montagna , che in lui vi era la consapevolezza , che i soldi erano dei cittadini , e la pubblica amministrazione doveva utilizzarli con oculatezza.
Non era soltanto un forte senso di legalità saldata a forti principi di moralità , ma questo atteggiamento di Don Pasqale andava oltre , vi era un grande senso di rispetto e amore per la sua città e i suoi cittadini , perché i soldi erano i loro.

Ma oggi a Policoro di questo insegnamento cosa è rimasto?
Niente , anzi i cittadini sono solo  buoni per essere spremuti , chi è tutelato sono solo i soliti noti , i soldi delle nostre tasse (NOSTRE) sperperati.
Infatti la storia che vi raccontiamo ha dell’incredibile
Nel 2006 (si cominciamo da Lontano) amministrazione Serafino Di Sanza , in esecuzione di un bando pubblicato dall’amministrazione  Lopatriello  l’UTC affidava con determina 293 (31/10 “2006) l’incarico di collaborazione e consulenza per la redazione del regolamento urbanistico due ingegneri , Tarsia e Montesano. 

Apriti cielo , giustamente in consiglio l’allora oppositore  Leone tuono . anzi ruggi , ci fu il parapiglia in consiglio comunale. Parole forti , toni alti e come sempre una buona dose di sconcerie.
Come dire , avendo una buona dose di ragione , almeno sull’opportunità fece il suo dovere.
Il costo complessivo di questa collaborazione era 70 mila Euro, Una bella sommetta.   

Il 27 /11/2012 , dopo sei anni e dopo che si sono buttati soldi di premi di produttivi e benefit ai dirigenti , l’ufficio tecnico si accorge di non essere in grado di fare il R. U . , e sollecitato da Leone (che li vuole anche premiare) affidano l’incarico all’Ing.re Rota , per la irrisoria somma di 39.900.
Perché direte solo 39.900  e non 40.000?    
                                                     l
Facile sopra quella soglia la legge impone il bando o selezione , quindi niente affidamento diretto. E gli altri due tecnici quelli dell’affidamento del 2006 , quella delle vivaci proteste di leone che fine fanno ?

Niente paura , Leone il moralista nel 2006 , consente con determine del 17/04/2014 di saldare i due professionisti. Tanto i soldi sono i nostri
Quindi la spesa complessiva per il regolamento urbanistico è di 109 mila (70 Tarsia e Montesano  e 39.900 Rota )euro , allora si pongono due prblemi
1 ) e possibile che l’ufficio si accorge dopo 6 anni di non essere in grado di elaborare il regolamento urbanistico ?

Eppure proprio per andare incontro alla dotazione organica furono assunti due ingegneri .
Quali provvedimenti sono stati presi per questo evidente danno recata alla pubblica amministrazione e ai soldi dei cittadini , per degli uffici inadempienti ?
Secondo : la somma non consentiva (complessivamente 109 mila euro ) l’affidamento diretto  , ne tanto meno si poteva affidare  in più step gli incarichi  per la redazione dello stesso lavoro .

Ma molto spesso al comune di Policoro si fa  , con lo scopo di  aggirare le norme che impongono appalti pubblici al di sopra di una certa cifra, vengono spezzetati in varie tranches cosi da consentire affidamenti veloci e con trattative private. Tutto questo sarebbe vietato e lo è ancora di più con le norme europee. 

E allora
I revisori dei conti che faranno ?

Il segretario che invieremo per conoscenza questa nota che farà ?
Il dott.re Urricchio procuratore della corte dei conti , a qui invieremo anche a lui la nota che farà.

Ci stiamo chiedendo chi difenderà i cittadini delle sprecopoli che ci sta impoverendo.

Con quale spirito noi indifesi cittadini possiamo continuare a pagare le tasse , quando i nostri soldi vengono scialacquati in questo modo vergognoso e indecente.
Chi sa se verrò condannato per aver detto che siamo difronte a un furto , che sono dei ladri di legalità.

lunedì 19 gennaio 2015

L'amministrazione guidata da Carrera ; Leone devè sta l'etica e la morale?

Il dibattito politico nel nostro Comune, in questi mesi si è trasferito dalla sede naturale
F.to di Ivano Farina
del consiglio comunale ai mass media.
Premesso che sarebbe stato utile e necessario dibattere questi temi anche dalle segreterie dei partiti politici, ma queste cose appartengono a un passato remoto.
Pur condividendo molte considerazioni espresse da alcuni consiglieri comunali di opposizione e alle prese di distanza nette, puntuali e molto coraggiose di blogger locali dall’attuale amministrazione, sento il dovere di denunciare ancora una volta, non solo la distruzione del nostro territorio che è coincisa con le amministrazioni che si sono succedute dalla fine degli anni novanta.
Le scelte politiche di questi giorni ci inducono sempre di più ad auspicare un'immediata cambio di cultura politica che avvicini i cittadini alle istituzioni e che si smetta di continuare a  deludere i nostri giovani.
Questa amministrazione, che è figlia delle maggioranze che si sono create negli anni precedenti, purtroppo è stata “costretta” ad applicare il massimo delle aliquote della tassazione, per riequilibrare i costi dei servizi.
Detta così potrebbe sembrare una decisione abbastanza normale, ma l’aumento dei costi dei servizi comunali in particolare, è la conseguenza non solo di scelte politiche scellerate, ma anche la mancanza di proposte politiche adeguate alla reale situazione della nostra comunità oramai allo stremo delle forze economiche e non ratificare provvedimenti tecnici-finanziari predisposti dai funzionari comunali.
Penso che sia proprio questo il limite dell’amministrazione; cioè l'incapacità di decisioni politiche che superino i tecnicismi finanziari e tengono conto della realtà locale che è diventata drammatica per la stragrande maggioranza delle nostre famiglie.   
Ultimo scandalo del sindaco Leone è aver coinvolto nella sua attuale maggioranza il consigliere Carrera, che come sappiamo  è stato eletto con i voti dell’IDV, quindi non dalle fila della sua maggioranza.
Premesso che in politica “i voti si contano e non si pesano” chiedo al sindaco: i voti che hanno fatto eleggere il consigliere Carrera  come vengono considerati…???????
Purtroppo caro Leone, non si tratta “di cedere ai ricatti” dei consiglieri della tua maggioranza, bensì di rispondere alle richieste dei tuoi amici di partito con argomentazioni e atti politici che rispettino innanzitutto “l’etica e la morale ” parole che sono state cancellate dal lessico politico in questi anni della tua amministrazione.
Ritengo che agli occhi dell’opinione pubblica questa”furbata” non faccia bene non solo a chi la fa, ma anche per chi l’accetta.

Benedetto Gallitelli


sabato 17 gennaio 2015

Via Venezia opera straordinaria - L'amministrazione Vetere &Carrera lasciano a Ferrara la Manutenzione.

Via Venezia finalmente i lavori partono dopo circa due anni di estenuante richieste e denunce.
Consigliere Ferrara
I primi a denunciare ed mettere in evidenza la vergogna di una strada dove tra l'altro è collocata la più grande centrale elettrica è stato questo Blog , e allora Ferrara si impegno che si sarebbe speso per risolvere l'incresciosa situazione.

Oggi con soddisfazione anche se con tanta fatica  possiamo dire di aver raggiunto l'obbiettivo , e a Ferrara  il merito di aver mantenuto l'impegno. Ma quanta fatica , tanta e non starò qui a raccontarvela.

Non ci piace autocelebrarci , considerando questi interventi atti dovuti ai cittadini , e il ruolo svolto da noi , un banale impegno civile nel rispetto del voto che i cittadini ci hanno dato , per dei lavori di ordinaria amministrazione , e visto le tasse anzi super tasse che paghiamo , avremmo diritto ad avere molto di più , ma siamo ai tappezza menti qui e li , a catrame che sostituisce la pavimentazione per una città che a parole vogliono turistica ma con i fatti la stanno distruggendo, una città senza alberi che diventa sempre più Brutta.

Era sporca oggi la troviamo degenerata anche sotto l'aspetto dell'arredo urbano , con opere finite , come il prolungamento di via Siris , la ditta saldata , ma evidente siamo difronte a dei lavori  che gridano vendetta.

Così come il parco urbano cominciato da 5 anni ed ancora la , dove una volta vi era una discarica sotto , adesso la discarica sta sorgendo sopra. E che dire dei dodici alloggi Popolari nel contratto di quartiere , costruiti su un dirupo , anche quelli lasciati a marcire sotto il  sole da oltre 5 anni , dove ad oggi Leone e i suoi prodi non riescono a trovare soluzione adeguate con il denaro che è sparito per completare l'opera.

Infatti ci chiediamo dove sono andati a finire i soldi delle case POPOLARI...........

Invito a tutti voi cittadini di Policoro di fare una passeggiata a Iazzo Ricino (contratto di quartiere) dove fiumi di soldi sono stati buttati e altri ne saranno impegnati ,  e verificate se attorno non vedete solo una grande monnezaio.

Una zona figlia di una variante vergognosa dove evidente sono i conflitti di interesse ma soprattutto gli interessi degli amici degli amici , altro che rivoluzione gentile , dove fiumi di risorse pubbliche e di tasse dei cittadini sono stati spesi per transazioni illegittimi , si è acquistato pagando profumatamente terreni che erano di proprietà comunale. NATURALMENTE CON I SOLDI NOSTRI

Allora di che cosa stiamo parlando ?

Tanta enfasi sull'ordinario probabilmente per l'incapacità di andare oltre , di vivere alla giornata ec...
di stringere sui favori e le amicizie , prendendo atto che la Politica è fallita , che il progetto e le buone intenzioni di una compagine nata per rivoluzionare e cambiare il Modus vivente è andato a farsi benedire. siamo addirittura tornati al vecchissimo , consiglieri dei trenta (il nuovo che avanza)  che consegnano ai cittadini i numeri civici , per farsi notare per dire che esistono , Che vergogna.

Oggi questa città è Governata , ma  dal consigliere Vetere & Famiglia Carrera , al manutentore   Ferrara hanno lasciato il compito per i comunicati stampa , almeno fino a quanto non consumano il vergognoso bando da 18 più 6 mila euro stanziati per l'ufficio stampa .
Ma questa sarà un'altra storia








venerdì 16 gennaio 2015

Beffati e Mazziati i giovani professionisti della città. Per Leone I Policoresi sono buoni solo per pagare le Tasse.

Ve li ricordate gli impegni solenni dello sbugiardato sindaco Rocco Leone in campagna elettorale sugli incarichi ? e quelli del vicesindaco Enrico Bianco ? Impegni solenni , medaglia da appendere al petto , nel nome della valorizzazione dei professionisti Policoresi , dare trasparenza alla mucillagine della pratica clientelare , valorizzare le professionalità senza guardare il colore della casacca , dare pari opportunità che significava albo dei conferimento degli incarichi , l’assessore Bianco , (Bianco uno ) addirittura si spinse più in la , promettendo , una volta verificato i requisiti il sorteggio, addirittura pubblico.
Altro che rivoluzione Gentile , pensavamo noi ,  questa si che sarà una rivoluzione copernicana , il nuovo che avanza.
Pratiche queste ormai da tempo utilizzate da molti comuni , esempio Matera , ma per policoro la città degli amici degli amici , era un passo avanti.
E partono subito  con un bel avviso , dove partecipano con entusiasmo facendo domanda  moltissimi ingegneri architetti ecc. Policoresi , nella speranza che finalmente a Policoro si aprisse la porta dell’opportunità per i tanti nostri Talenti , che con tanti sacrifici avevano tagliato il nastro di una laurea , e poi superato i master ecc.e che la loro città dopo il monopolio dei soliti noti aprisse le porte della speranza.
Ci dicono (non ci vorremmo sbagliare ) oltre 400 le domande per entrare a far parte dell’albo dei professionisti , quasi tutti figli d questa città
Che fine ha fatto quell’albo?
Siamo a Chi l’Ha visto , giace nei meandri maleodoranti della Politica dei fatti attuata da leone e la sua ciurma.
Si lo ripeto “ciurma” , perché non c’è peggior male che quello di tradire le aspettative dei giovani , così si uccide la speranza.
E in questi mesi ne abbiamo visti di tutti i colori , esemplare e quell’incarico di 33 mila euro a un geometra , noto una volta per essere un frequentatore clandestino del comune , componente di una commissione di gara dell’appalto della strada di via siris ( il prolungamento della vergogna) di cui non si è mai saputo a che titolo ne facesse parte ,    presentatore di una lista a sostegno del centrosinistra , gruppo politico che oggi si dice vicino a Impegno comune . Come si dice , cambiano le amministrazioni ma i faccendieri stanno sempre coerentemente con chi vince.
Oggi dobbiamo constatare che alla beffa , si aggiunge anche il danno. Infatti basta leggere le ultime due determine di affidamento d’incarico per l’allargamento e manutenzione di via Massimo D’Azeglio e via Giustino Fortunato (precisamente determina 1814 & 1815 ) deliberate UTC la notte di capodanno (31/12/2014) a significare simbolicamente che abbiamo lasciato alle spalle l'anno vecchio ma non le deleterie pratiche della mala amministrazione ,  e pubblicate solo due giorni fa ,  due affidamenti diretti , a due professionisti , uno di Polla provincia di Salerno e uno di Potenza città.

Uno schiaffo alla città , ai tanti professionisti Policoresi , ai tanti ragazzi laureati e non “laureandi  caro Leone” , che ancora una volta la Politica lascia ai margini senza dare nessuna opportunità. Noi Policoresi buoni solo a pagare le tasse , VERGOGNATEVI SE AVETE ANCORA IL SENSO DEL PUDORE.

giovedì 15 gennaio 2015

Basilicata, la legge di stabilità è un affare per gli amici degli amici. Taglio al sostegno ai malati.

Via libera ai palazzinari e fondi per voli pindarici. Taglio drammatico al sostegno ai dializzati,
ai talassemici ed emofiliaci. Un’altra occasione persa. Pittella, Robin Hood alla rovescia, approva un “collegato alla legge di stabilità regionale 2015” e una “legge di stabilità 2015” lanciando chiaro un messaggio ai lucani: tolgo ai poveri, per dare ai ricchi. In una inquietante continuità con i governi di centro-sinistra, Pittella conferma che al centro dell’azione politica della maggioranza PD non vi sono certo i cittadini, non c’è la Basilicata ma le ennesime deroghe agli strumenti urbanistici e le proroghe ai “Piani Cemento” che paiono scritte apposta per i palazzinari, oltre alle solite norme su misura per la ramificata e pervasiva rete degli “amici e gli amici degli amici”. Insomma, Pittella e il PD non temono la speculazione edilizia che devasta il territorio e danno via libera a condoni e deregulation in materia di urbanistica. La mannaia dei tagli (la cosiddetta “spending review”) si abbatte, invece, senza criterio e senza pietà sulle persone affette da malattie come talassemia, emofilia, molinfopatia maligna e da immuno deficit grave, nonché su chi è stato sottoposto a trapianto di midollo osseo e chi fa la dialisi: questi cittadini vedranno ridursi drasticamente (in alcuni casi, verranno azzerati!) i contributi già esigui erogati finora dalla Regione. A nulla sono valse le proteste e le proposte alternative del M5S come l’erogazione dei contirbuti in base al criterio dell’ISEE e non al reddito familiare. Grazie a Pittella, dal 1/1/2015 prenderà il contributo pieno (240 euro, più il contributo per la dialisi domiciliare, 52 euro) solo chi ha un reddito familiare di appena 5.000 euro annui. Chi supera questa soglia vedrà tagliato o azzerato il contributo: insomma, si taglia ai malati con redditi medio bassi per dare ai ricchi! Nonostante questo, Pittella vuole volare: trova ancora soldi per l’areoporto di Pontecagnano (Sa) 2 milioni di Euro in 3 anni e per la pista Mattei (a rischio di radioattività) di Pisticci. Pittella, scatenato emulo di Icaro, finanzia anche le attività di volo sportivo e turistico nell’area di Grumento. Insomma, Pittella sogna cieli di Basilicata solcati da migliaia di aerei peccato però che gli aerei di linea che portano migliaia di turisti atterrano ben lontano dalla Basilicata.  Tra le altre proposte di matrice M5S spiccano anche l’ordine del giorno per il completamento della strada c.d. “Oraziana”, il trasferimento di soldi alla Provincia per la manutenzione delle strade e la norma che impegna Pittella a dare conto al Consiglio regionale, entro il 30 giugno prossimo, di quanti fondi comunitari 2007-2013 sono riusciti a recuperare i Dirigenti Generali dei Dipartimenti regionali interessati. In ultimo, una “chicca” che è stranamente sfuggita ai commentatori e ai giornalisti. Erano circa le 2.30 del mattino della notte tra sabato e domenica scorsi, quando la maggioranza approvava un emendamento “fantasma” (non consegnato preventivamente alle minoranze) firmato Cifarelli (capogruppo PD); il capogruppo M5S Perrino, segnalando l’increscioso accaduto, chiedeva subito al presidente Galante (sostituto di Lacorazza) di leggere il contenuto dell’emendamento “smarrito”: si trattava di una norma volta a facilitare una ulteriore assunzione ‘discrezionalclientelare’, al massimo della retribuzione, rispettivamente presso l'ufficio di presidenza del Consiglio e presso l’ufficio della presidenza della Giunta. Dopo scuse e maldestri tentativi di giustificazione, Galante annullava la votazione e Cifarelli optava per il ritiro dell’emendamento “fantasma”. Si scrive malcostume, si legge Partito Democratico.

 Gianni Leggieri, Gianni Perrino, gruppo consiliare M5S Basilicata

mercoledì 14 gennaio 2015

Giornata di Nomine : Quinto alla ASM , Modarelli all'UPI. Ma Leone si supera con il Carrera 2 siamo "ALLA COSA NOSTRA"

P.Quinto
Ieri giornata di nomine ,  e Policoro ne incassa tre su tre .
Cominciamo da quella più importante , Pierino Quinto direttore generale della ASM di Matera , dopo essere in predicato  a guidare quella di Taranto.
Fu lo stesso Vendola a volerlo , ma Pierino disse no , il grande rifiuto che oggi è corrisposto con la nomina a direttore Generale della ASM , e la seconda volta che tocca a lui , questo ci fa sperare per il rilancio dell’ospedale di Policoro , ormai ridotto ai minimi termini. Auguri a Pierino
La seconda nomina è quella di Gianluca Modarelli a vicepresidente della UPI , unione delle province , avvenuta all’unanimità , un traguardo importante
G.Modarelli
raggiunto da questo ragazzo , che ha spiazzato l’altro pretendente Ferrara , rimasto a bocca asciutta , non ha pagato la logica di chi sta in maggioranza a Matera con il centrosinistra e a Policoro con il centrodestra. Auguri a Gianluca
Terza nomina quella di Assessore a Giovanna Carrera (a cui diamo gli auguri ) ma qui Rocco Leone si è superato , siamo passati dalla Lottizzazione Politica che ha ispirato le due precedenti nomine (pur nel rispetto dei requisiti ) al nepotismo familiare. Rocco Leone ostaggio ormai del duo Carrera (Pasquale)   –Vetere , soci in affari , ha ceduto al ricatto . Quando ho saputo della nomina,  nome che circolava da tempo , mi è venuto in mente (mi perdoni la Giovanna) come spesso accade la leggendaria storia della  la nomina a senatore del cavallo fatta da Gaio Giulio Cesare Germanico ( conosciuto come Galigola)  , imperatore romano  che le pochi fonti storiografiche definiscono   Stravagantie eccentrico e depravato.
Alla fine del suo regno, Caligola pretendeva di essere chiamato Dio, che è un po’ più che unto dal Signore. Ma a parte questa piccola differenza, anche la nomina  della Carrera 2  sembra sempre più un atto da fine impero: così arrogante da restituire un’immagine di impotenza figlia del ricatto , la sconfitta della Politica e dell’illusione della rivoluzione gentile ridotta a cosa loro ,  dove imperversa il trasformismo becero e l’illegalita con i  gruppi di potere si sono ricostituiti più forti di prima.
Lo stesso sindaco è consapevole della grande stronzata fatta , infatti cerca di giustificare l’ingiustificabile , parlando di una trentenne LAUREANDA in lettere , come se la città non fosse piena di tante ragazze laureate con tanto di 110 e Lode tra l’altro vent’enni  , parla di imprenditrice , mentre l’impresa è del padre , come se la città non fosse piena di di imprenditrici , che ogni giorno combattono la difficile quotidianità grazie anche agli aumenti delle tasse fatte da questa amministrazione e al costo insopportabile  (la GRANDE TRUFFA) della spazzatura.
La verità l’unico qualità che lui ha visto  , perchè costretto è stata quella del cognome , a cui lui deve tanto perché gli consente , tradendo l’indicazione del voto popolare  di respirare , di essere attaccato a quella poltrona.  
Non possiamo neanchè sottacere che in questa vergognosa storia di Nepotismo familiare assurto a logica politica vi è la responsabilità del gruppo politico Impegno Comune , con a capo il consigliere Ferrara , manutentore della politica policorese , che fa e disfa la tela della città , ormai ridotta a una latrina. Ferrara che ogni tanto si scaglia contro la lottizzazione della Politica , adesso cosa ci dirà ? Ci esprima un giudizio sul Nepotismo, su questa cosa nostra in salsa Policorese.
Il blog “Roma a schifo “ , che ci ha messo 12 anni di denunce per vedere scoppiare  la Mafia nella capitale , grazie ad un nuovo  procuratore della Repubblica , noi speriamo di non aspettare tanto , ma la giustizia prima e poi arriva , perche tutto ciò che sta succedendo in questa città a cominciare dalla spazzatura e una vergognosa storia che i cittadini stanno pagando amaramente.


martedì 13 gennaio 2015

Nomine direttori Generali .Le mani sulla sanità

Sulla Sanità in Basilicata si giocano sempre partite dure. Soldi, consensi, zone
franche, potere. Infatti, come se nulla fosse, in questi giorni si parla di spartizione delle poltrone in base agli accordi tra le correnti principali del Partito Democratico. Tizio a Pittella e compagni, caio a Luongo e compagnia bella. Si tratta delle direzioni generali di importanti centri di gestione sanitaria. Si fanno i nomi dei prescelti associandoli, appunto, a una precisa area di Partito politico. Anche in queste nomine si affaccia l’ombra dell’enigma. Vediamo. La Regione Basilicata ha indetto, con delibera di Giunta numero 1358 del 7 novembre 2014, “Avviso pubblico per la formazione dell'elenco degli aspiranti idonei alla nomina di Direttore Generale delle aziende sanitarie locali di Potenza e Matera e dell'azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza e dell'elenco degli aspiranti idonei alla nomina di Direttore Generale dell’IRCCS “. Pubblicato il 16 novembre 2014, con scadenza 29 dicembre 2014. Cioè due settimane fa. Dobbiamo supporre che la Commissione di valutazione delle domande è stata nominata in tempi record e che ha svolto il lavoro di selezione all’istante. La stessa Commissione avrebbe, in tal caso, già deciso l’elenco degli aspiranti idonei. Unici idonei sarebbero le quattro persone di cui in questi giorni si parla con insistenza sulla stampa e che troverebbero conferma nelle dichiarazioni informali e di corridoio dei politici regionali? In quanti hanno presentato domanda? E chi? Mistero. Un altro enigma lo troviamo nella stessa delibera del 7 novembre in cui si legge: “… di rinviare a successivo provvedimento la costituzione della Commissione preposta alla selezione degli aspiranti idonei alla nomina…” Con quale successivo provvedimento è stata costituita la Commissione, e quando? Non abbiamo nulla da dire sul merito dei candidati. Qui poniamo un problema di trasparenza e di correttezza politica. Poniamo anche un problema di rispetto delle regole e delle procedure. A che serve un avviso pubblico di cui si sono perse le tracce? I nostri dubbi trovano risposta nell’articolo 8 dell’Avviso: “L'amministrazione, a suo insindacabile giudizio, si riserva la facoltà di revocare o modificare in tutto od in parte il presente avviso di selezione, qualora ne rilevasse l'opportunità per ragioni di pubblico interesse senza che per questo i candidati possano vantare diritti nei confronti della Regione Basilicata…”Insomma, quelle “ragioni di pubblico interesse” sono una presa per i fondelli.

 Tratto da Basilicata 24

lunedì 12 gennaio 2015

Caos spazzatura ., oltre la truffa anche la Beffa. Siamo alle cartelle pazze.

 Per cominciare ricordiamo al sindaco che un’altra volta ha mentito alla città , oggi 12
gennaio , non è partito nessun nuovo servizio , anzi si vedono dei notevoli peggioramento dello stato della città , ne si vedono  i nuovi mezzi ecc.. , ormai la città è ostaggio delle bugie di Leone e della Tradeco.
Non sappiamo se è stato sottoscritto il contratto , non sappiamo se la Tradeco ha prodotto il certificato antimafia , se la polizza fideiussoria consegnata sia rumena o Bengalese , garantisce o non garantisce , siamo nel totale caos con l’unica certezza quella del salasso delle bollette della spazzatura.
Infatti , le bollette come avevamo annunciato sono raddoppiate , ma come non bastasse , alcune notifiche sono errate con importi da infarto. Infatti , molti commercianti si sono rivolti ai consulenti per accertarsi del dovuto , avendo ragione nel merito.
Sarebbe auspicabile che tale controllo fosse esteso a tutti.
Noi per quel che ci riguarda personalmente continuiamo nella nostra protesta civile e silenziosa non pagando , perchè riteniamo questo appalto una TRUFFA.
Nel caso della tariffa sulla raccolta , la legge parla che gli atti devono essere notificati ai cittadini , ad oggi moltissimi Policoresi non hanno ricevuto le bollette , altri li hanno ricevuto con almeno due rate scadute , violando così il codice del contribuente , che impone alla pubblica amministrazione la notifica dei pagamenti con almeno 30 giorni di anticipo.
Ci trattano non da cittadini , ma da sudditti  (molti cittadini non hanno ancora ricevuto ad oggi la notifica) dimostrando anche su questo sciatteria amministrativa , totale disorganizzazione e disprezzo per i cittadini , Leone degno erede di viceré Rodrigo Ponce de Leòn (prprio così De Leon) spazzzato dalla furia di Masaniello ed il popolo Napoletano a pedate.
Intanto noi non staremo inerti a guardare questo indecoroso e vergognoso stato di cose , entro la fine del mese , metteremo su una manifestazione , in cui ancora una volta faremo sentire la voce della Policoro quella che lavora e arranca per la crisi , ma onesta e laboriosa , che non merita questo stato di cose , dando ai cittadini gli strumenti per difendersi da questi nuovi barbari.